Premier League: Sanchez allo scadere, l’Arsenal piega i Saints

Seconda vittoria consecutiva per l'Arsenal, grazie a una rete all'ultimo di Sanchez. Cade ancora il Southampton, incapace di rialzarsi dal ko col City

Premier League: Sanchez allo scadere, l’Arsenal piega i Saints

Seconda vittoria consecutiva per l’Arsenal, che dopo aver toccato il punto più basso della gestione Wenger con la sconfitta contro lo United sta lentamente riuscendo a rialzarsi dalle proprie macerie. A cadere in questo caso è il Southampton, rivelazione di inizio campionato uscito nettamente ridimensionato dalla doppia sfida-Big contro City e, per l’appunto, Gunners. Il gol decisivo si fa attendere, ma a un minuto dalla fine è Alexis Sanchez a decidere le sorti del match, con una zampata su traversone di Ramsey.

L'allenatore dell'Arsenal Arsene Wenger.

L’allenatore dell’Arsenal Arsene Wenger.

LA PARTITA – Arsene Wenger cerca di scacciare le critiche e le malelingue, e nonostante le numerose assenze imposta un Arsenal a trazione nettamente anteriore, con Cazorla, Chamberlain e Sanchez alle spalle di Welbeck, match winner dell’ultima uscita in casa del Wba. I Saints, reduci dal ko subito dal Manchester City, cercano il riscatto puntando tutto su Graziano Pellè, deludente nella sfida ai Citizens. Proprio l’ex attaccante leccese produce il primo squillo della partita, concludendo a lato dopo uno splendido scambio con Davis. Dopo un buon avvio del Southampton è l’Arsenal a prendere le redini del gioco, e l’unico Saints protagonista diviene in fretta il portiere Forster. Il numero 1 degli ospiti prima stoppa Oxlade-Chamberlain, poi evita la capitolazione allo scadere della prima frazione respingendo un colpo di testa a botta sicura di Sanchez. L’inizio della ripresa ricalca l’andamento del primo tempo, con l’Arsenal in costante proiezione offensiva e il Southampton capace di pungere col solo Pellè. Il gol, nonostante l’inferiorità numerica degli ospiti (out Alderweireld a cambi terminati), si fa attendere, sempre grazie ad un Forster in vena di straordinari. Quando ormai il pubblico dell’Emirates sta perdendo le speranze, ecco il momento decisivo. Ramsey la mette in mezzo, Sanchez piazza la zampata e stavolta Forster non può proprio farcela: 1 a 0 Gunners. Troppo poco tempo per reagire, i Saints riescono a malapena a rimettere il pallone in gioco, prima che l’arbitro fischi la fine delle ostilità. Tre punti per l’Arsenal, grosso sospiro di sollievo per il suo allenatore.

LE PAGELLE –

FORSTER voto 7,5 – Se il Southampton ha avuto una pallida possibilità di uscire indenne da Londra, il merito è solo suo. Almeno 4 interventi decisivi, prima della beffa finale firmata da Sanchez. CHAPEAU

SANCHEZ voto 6,5 – Un po’ timido, molto lontano dalla zona clou del campo, per il cileno sembra una serata così così. Fino all’89’ però, quando punisce i Saints e manda in paradiso i Gunners. Questo è il bello del calcio, ma non ditelo agli ospiti. CLOSER

PELLE’ voto 6 – Nella pochezza offensiva della sua squadra è l’unico a provarci. Un’occasione per tempo, troppo poco per essere protagonista, abbastanza per meritare la sufficienza. ISOLATO

WELBECK voto 5,5 – Avrebbe più di un’occasione buona, ma oggi sembra aver lasciato la precisione negli spogliatoi. Ok la prestazione monstre di Forster, ma da lui ci si sarebbe potuto e dovuto aspettare molto di più. IMPRECISO

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.