Manchester City, i campioni difenderanno il titolo?

Manchester City, i campioni difenderanno il titolo?

Con quattordici punti in sette giornate, i campioni d’Inghilterra del Manchester City si confermano ancora ai vertici della Premier, almeno per questo primo scorcio di campionato. La truppa di Pellegrini è l’unica big che per ora sembra riuscire a tenere il passo, seppur con cinque lunghezze di distanza, del super Chelsea di Josè Mourinho. Staccate di 3 punti lo United e di 4 Arsenal e Liverpool, Aguero e compagni possono annoverare il secondo miglior attacco del torneo con 14 goal, alle spalle dei Blues e la seconda miglior difesa dietro al sorprendente Southampton di Pellè.

Nonostante non sia stata protagonista delle spese folli delle scorse stagioni, complice le prime sanzioni del Fair Play Finanziario, la società ha comunque speso la ragguardevole cifra di 66 mln di euro, un’enormità per le italiane, portando all’Etihad Elaquim Mangala ( l’acquisto più oneroso con i suoi 40 mln di euro) e Fernando ( 15mln) dal Porto, Willy Caballero (8 mln) dal Malaga, Bruno Zuculini ( 2,5) dal Racing, ma soprattutto due importanti parametri zero come Bakary Sagna dall’Arsenal e Frank Lampard dal Chelsea, ”parcheggiato” in prestito dai New York City in attesa dell’inizio della Major League Soccer 2015. Anche le cessioni questa volta hanno portato un discreto tesoretto, che ha permesso di ridurre l’esborso per i sopracitati acquisti. Javi Garcia per 16 mln raggiunge Villas-Boas allo Zenit, Jack Rodwell per 12 passa al Sunderland, mentre i primi big arrivati in skyblu nell’era degli arabi, Costel Pantillimon, Micah Richards, Joleon Lescott e Gareth Barry hanno salutato a parametro zero. Pellegrini non ha abbandonato l’idea tattica dello scorso campionato, un 4-4-2 di grande qualità, soprattutto a centrocampo.

L’inizio è stato roboante, con un netto 2-0 in casa del Newcastle alla prima di campionato e un ancor più netto 3-1 in casa contro il Liverpool di Balotelli, nell’occasione ancora in tribuna in mancanza del transfer. E’ però prima della sosta che il City va subito sotto, perdendo clamorosamente in casa contro il modesto Stoke City, riuscendo però a risollevarsi con due importanti pareggi in trasferta contro l’Arsenal ( 2-2) e in casa contro il Chelsea (1-1), negando a Mourinho 21 punti su 21 disponibili. Le due trasferte consecutive contro l’Hull City ( 2-4) e l’Aston Villa ( 0-2) garantiscono i sei punti come previsto, ma risultano meno agevoli di quanto i risultati possano lasciar immaginare, complice anche la partita di Champions contro la Roma proprio nel mezzo.

Antonio Foccillo

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.