Il Manchester United di Louis Van Gaal

Il nuovo Manchester United di Van Gaal

Il Manchester United di Louis Van Gaal

Cosa succede a questo Manchester? Il ritiro di Alex Ferguson,ha decisamente avuto ripercussione su tutto il Manchester United. Il successore David Moyes, ha portato i “diavoli rossi” al settimo posto in classifica lo scorso anno, con nessuna coppa europea da giocare nella stagione 2014-2015.

VIA MOYES, DENTRO VAN GAAL – Al posto di Moyes, il presidente Glazer ha deciso di ingaggiare l’ex tecnico dell’Olanda, Louis Van Gaal. Con l’arrivo del tecnico olandese, c’è stato un deciso rinnovamento della squadra: via Vidic, Rio Ferdinand, Evra, Nani, Kagawa, Welback, Hernandez, Cleverley; dentro invece Blind, Falcao, Di Maria, Rojo, Herrera, Shaw e Lingard. Un rinnovamento completo sotto tutti gli aspetti. Ma dove ha portato? Ad oggi i “diavoli rossi” non hanno ancora ingrato una marcia alta, ma si sono limitati alla prima; infatti in questo inizio di campionato hanno raccolto solo cinque punti nelle prime cinque partite, perdendo la prima in casa contro lo Swansea per 2-1. In più il Manchester United è fuori dalle coppe Europee, e quindi Glazer e la società, in questa finestra di calciomercato, hanno deciso di investire più di 180 milioni di Euro (42 milioni per Herrera, 40 per Shaw, 75 per Di Maria, 13 per Blind e 12 per il prestito di Falcao) per dare nuova linfa alla squadra.

NUOVO MODULO – Di sicuro Van Gaal deve ancora lavorare tanto su una squadra come questa, molto ricca di talenti e stelle del calcio. Nella prima partita casalinga si era presentato davanti ai tifosi con un nuovo modulo: il 3-4-1-2 con Mata rifinitore dietro le due punte Rooney ed Hernandez, non è stato un cambiamento che ha convinto, e infatti ha deciso di ritornare al 4-3-1-2, che ha portato i suoi frutti nelle ultime due partite di campionato, in cui i Reds hanno conquistato tutti e 6 i punti in ballo. La strada dello United è ancora in salita, 8 punti di stacco dalla squadra di Mourinho che si trova al vertice, ma con questi fenomeni bisogna solamente aspettare che scoppi la scintilla.

Alfonso M. Troianiello

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.