Top&Flop in Premier League: quante sorprese dopo appena undici giornate

Dalle imprese del Southampton di Pellè al disastro Balotelli con la maglia dei Reds. La Premier League continua ad affascinare grandi e piccini.

Top&Flop in Premier League: quante sorprese dopo appena undici giornate
Graziano Pellè (Premier League '14-'15)

Graziano Pellè (Premier League ’14-’15)

Siamo soltanto all’undicesima giornata, ma come ogni anno la Premier League ci regala forti emozioni, colpi di scena, goals e rimonte spettacolari. Dopo appena un quarto di stagione, sono molti i flop e i top del campionato inglese che non smette mai di sorprenderci.

I FLOP: DA SUPER MARIO AI RED DEVILS – Il deludente avvio di stagione di Liverpool e Manchester United hanno quasi annullato l’entusiasmo portato in estate dagli arrivi di Mario Balotelli a Liverpool (fortemente voluto da Brendan Rodgers) e di Louis Van Gaal, insieme con una serie di top players, alla corte del Manchester United. Appena un goal in dieci apparizioni con la maglia dei Reds, troppo poco per colui che veniva designato come il sostituto del pistolero Suarez. Così Mario Balotelli potrebbe addirittura cambiare casacca nel mercato di riparazione. E chissà che non ritorni in Italia…

I 16 punti stagionali (4 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte) non sono sufficienti a Van Gaal per conquistare il pubblico dell’Old Trafford. Il problema piu eclatante sembrerebbe quello di adattare i vari Di Maria, Rooney, Mata, Van Persie, Falcao e Valencia in una macchina da guerra stile Real Madrid. Ci vorrà tempo, ma soprattutto pazienza. Altre delusioni in casa Tottenham, Everton e QPR con gente come Mauricio Isla che ha deluso le aspettative della stampa inglese dopo le ottime prestazioni viste in Brasile durante la World Cup.

I TOP: GRAZIANO PELLÈ E LA SUA SECONDA GIOVINEZZA – Quasi 120 km separano Southampton dall’immensa e vecchia Londra. Cittadina di appena 300.000 abitanti situata nel sud d’Inghilterra, forse non si è mai sentita così vicina alla capitale inglese. Appena 4 punti separano “i Santi” (The Saints) dalla capolista Chelsea, unica squadra imbattuta che marcia ad un ritmo forsennato trascinata dagli straordinari Diego Costa e Hazard.  8 vittorie, 1 pareggio e appena 2 sconfitte sono i numeri da record della banda Koeman guidata da uno straordinario Graziano Pellè, in grado di togliersi belle soddisfazioni. A Southampton la gente inizia seriamente a pensare che i sogni, a volte, diventano realtà.

Sorprendente inizio, invece, per lo Swansea ed il West Ham. La loro forza sarà quella di mantenere alti il ritmo e l’attenzione . Staremo a vedere se i gol di Alexis Sanchez e di Sergio Aguero serviranno al Manchester City e all’Arsenal, rispettivamente in terza e quarta posizione, per rendere anche questa stagione esaltante come le precedenti.

Come detto, siamo soltanto all’undicesima giornata, ma abbiamo già molto da scrivere.

 Stefano Piccinno

Share Button

SOURCE: www.sportcafè.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.